21.6 C
Milan
martedì, Maggio 21, 2019

Tangenti in Lombardia, arrestato sindaco leghista Fratus e due assessori di Legnano
T

FONTE fanpage
- Advertisement -

Tempo di Lettura : 1 minuto

La guardia di finanza di Milano ha arrestato il sindaco di Legnano, Gianbattista Fratus, della Lega, il vicesindaco e assessore al bilancio Maurizio Cozzi e l’assessore alle opere pubbliche Chiara Lazzarini. Sono indagati a vario titolo per turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e corruzione elettorale. In corso diverse perquisizioni.


Simone Gorla

I finanzieri del comando provinciale di Milano hanno arrestato tre persone, tra cui il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, della Lega, il vicesindaco e assessore al bilancio Maurizio Cozzi (Forza Italia) e l’assessore alle opere pubbliche Chiara Lazzarini, indagati a vario titolo per turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e corruzione elettorale, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio. I finanzieri stanno eseguendo una serie di perquisizioni. Per il sindaco e l’assessore Lazzarini sono scattati gli arresti domiciliari, mentre il vicesindaco Cozzi è in carcere.

L’amministrazione comunale di Legnano da mesi nel caos.
L’arresto del primo cittadino è l’ultimo passo di una crisi che l’amministrazione comunale di Legnano viveva da mesi. Lo scorso 29 marzo la giunta era caduta dopo essere stata sfiduciata dai consiglieri dell’opposizione e da due “dissidenti”, il presidente uscente del Consiglio comunale Antonio Guarnieri e l’ex consigliera Federica Farina, moglie di Guarnieri. La crisi era stata ricomposta attraverso un rimpasto di giunta: l’assessore alla Cultura Franco Colombo si era dimesso in polemica con il sindaco  mentre ai Lavori Pubblici era arrivata Chiara Lazzarini.

- Advertisement -

ArrayArray